Cosa è il valore locativo proprio?

È l’incubo di tutti i proprietari di case: il valore locativo proprio. Ma cos’è il valore locativo proprio e come può essere ridotto per risparmiare le tasse?  Rispondiamo alle vostre domande scottanti sulla tassazione del valore locativo proprio

Cos’è il valore locativo proprio?

In Svizzera, chiunque viva in una proprietà occupata dal proprietario deve pagare l’imposta sul cosiddetto valore locativo proprio come reddito. Il valore locativo proprio non è un reddito reale, ma piuttosto un importo fittizio derivato dal valore locativo teorico di una proprietà. Di regola, il valore locativo imputato è dal 60 al 70 per cento dell’importo che un terzo dovrebbe pagare come affitto per una proprietà residenziale.

Perché il valore locativo proprio viene tassato?

L’imposta sul valore locativo è stata introdotta provvisoriamente nel 1934 dopo la Grande Depressione come un prelievo per aiutare a risanare il bilancio federale ed è stata incorporata nella legge regolare nel 1958. È una conseguenza del principio di solidarietà del sistema fiscale svizzero. Sebbene il proprietario di un immobile non riceva alcun affitto, egli guadagna una rendita occupandolo lui stesso. Poiché non deve pagare l’affitto, ha un risparmio nella misura dell’ipotetico valore locativo dell’immobile. Questo risparmio deve essere tassato come reddito.

Come si calcola il valore locativo proprio?

Come di consueto nel panorama fiscale svizzero, il valore locativo proprio è determinato su base cantonale. L’autorità fiscale cantonale competente stima il valore locativo di un immobile sulla base della superficie abitabile, dell’anno di costruzione, del metodo di costruzione, dell’ubicazione e del valore di immobili comparabili. A causa dei diversi metodi di calcolo cantonali, proprietà identiche possono essere tassate diversamente in diversi cantoni. Secondo il Tribunale federale, tuttavia, il valore locativo proprio deve essere almeno il 60% del valore che potrebbe essere ottenuto come affitto sul mercato aperto.

Come si può risparmiare sulla tassazione del valore locativo proprio?

I proprietari di immobili possono ridurre la tassazione del valore locativo proprio facendo delle deduzioni. Oltre agli interessi ipotecari, sono deducibili soprattutto i cosiddetti costi di conservazione del valore. Questi includono i costi di ristrutturazione e riparazione, così come la sostituzione di apparecchi elettrici o i premi di assicurazione della proprietà. Gli investimenti che aumentano il valore non sono ammissibili per la deduzione. Questi ultimi sono tutte quelle spese e miglioramenti che vanno oltre la conservazione del valore. Così, mentre un proprietario di casa può dedurre il costo di una ristrutturazione ordinaria del bagno, il costo di un bagno di lusso con una toilette d’oro non si qualifica per una riduzione fiscale. Tuttavia, c’è un’eccezione a questa regola di base. A certe condizioni, gli investimenti che aumentano il valore sono anche deducibili se servono a proteggere l’ambiente o a risparmiare energia.

Findea vi aiuta a gestire le vostre tasse in modo semplice e senza problemi.


I commenti sono chiusi.

Nuovo commento