Iscriviti al blog tramite e-mail

Newsletter

Categorie

La pressione fiscale sul reddito nel cantone di Zurigo è inferiore alla media nazionale

Il “Zürcher Steuerbelastungsmonitor”, pubblicato annualmente, mostra che la pressione fiscale sul reddito nel cantone di Zurigo è inferiore alla media grazie ad una tassazione favorevole al ceto medio. La situazione è diversa quando si tratta della tassazione delle persone giuridiche. In un confronto intercantonale dell’utile netto e dell’onere del capitale delle società per azioni, Zurigo occupa uno degli ultimi posti.

Dal 2008, la BAK Economics AG produce annualmente, su incarico del Dipartimento delle finanze del Cantone di Zurigo, un rapporto sulla posizione fiscale del Cantone in un confronto intercantonale: lo ” Zürcher Steuerbelastungsmonitor”. Oltre al carico fiscale sul reddito e sul patrimonio delle persone fisiche, il rapporto esamina anche la tassazione delle persone giuridiche in misura limitata.

Pressione fiscale sul reddito inferiore alla media

Questo indice dell’onere fiscale complessivo sul reddito si basa sulle cifre dell’onere fiscale dell’Amministrazione Federale delle Contribuzioni (AFC) e mostra quanto il reddito delle persone fisiche è tassato in media nei singoli cantoni. Secondo il rapporto, il cantone di Zurigo rimane al 9° posto nel confronto intercantonale 2019 degli oneri fiscali, con un valore dell’indice di 88,4 contro una media nazionale di 100. Il motivo del buon posizionamento è la tassazione favorevole al ceto medio del cantone. Gli abitanti di Zurigo con un reddito lordo da 60’000 a 200’000 franchi beneficiano di una pressione fiscale inferiore alla media nel confronto nazionale. Mentre la classe media paga relativamente poco, i redditi molto alti e molto bassi sono tassati relativamente pesantemente nel cantone di Zurigo. Il cantone di Zugo ha la pressione fiscale media più bassa del paese, seguito dai cantoni di Svitto e dei Grigioni. Il cantone di Berna è in coda alla classifica.

Nessun cambiamento nella pressione fiscale sulla sostanza

Il cantone di Zurigo è anche al 9° posto in termini di pressione fiscale sulla sostanza per il 2019. Anche se non ci sono stati cambiamenti significativi nella tassazione di Zurigo, il cantone è sceso di un posto rispetto all’anno precedente. Il calo di rango è dovuto a una riduzione delle tasse nel cantone di Appenzello Interno. In un confronto intercantonale della pressione fiscale sulla sostanza, il cantone di Svitto è il vincitore. I residenti del cantone del Vallese pagano di gran lunga di più.

Elevata pressione fiscale per le persone giuridiche

In un confronto dell’onere fiscale sull’utile netto e sul capitale delle società per azioni (prima della deduzione delle imposte, con capitale e riserve di 2 milioni di franchi e un rendimento del 20 per cento) nei capoluoghi cantonali, Zurigo è al 24° posto. Solo a Delémont (JU) e Ginevra (GE) le imprese sono tassate più pesantemente. A differenza delle persone fisiche, la concorrenza fiscale per le imprese finanziariamente forti non è generalmente un fenomeno solo cantonale, ma si svolge a livello internazionale. Vale quindi la pena dare uno sguardo oltre i confini nazionali. Un confronto della pressione fiscale delle imprese con metropoli economiche selezionate mostra che Zurigo, come tutte le città svizzere, ha una pressione fiscale relativamente bassa per gli standard internazionali. La pressione fiscale media su un investimento redditizio a Zurigo è del 15-20%. Mentre Hong Kong è in cima al confronto con una pressione fiscale di circa il 10 per cento, Parigi è in fondo alla classifica con oltre il 30 per cento.

Findea vi aiuta a gestire le vostre tasse in modo semplice e senza problemi.

Entro quando deve essere presentata la dichiarazione dei redditi?

Presto sarà di nuovo il momento di presentare la vostra dichiarazione dei redditi. Esattamente quando questo è il caso varia da cantone a cantone. Chiunque non sia in grado di completare e presentare la propria dichiarazione dei redditi in tempo ha la possibilità di chiedere una proroga della scadenza.

Le scadenze per la presentazione della dichiarazione dei redditi variano da cantone a cantone. Abbiamo compilato una panoramica delle scadenze di presentazione per alcuni cantoni.

Canton Argovia

  • Persone fisiche: fino al 31 marzo 2021
  • Persone giuridiche: fino al 30 giugno 2021

Canton Basilea-Città

  • Persone fisiche: fino al 31 marzo 2021
  • Persone giuridiche: fino al 30 giugno 2021

Canton Berna

  • Persone fisiche: fino al 15 marzo 2021
  • Persone giuridiche: fino al 31 luglio 2021

Canton Ginevra

  • Persone fisiche: fino al 31 marzo 2021
  • Persone giuridiche: fino al 30 aprile 2021

Canton Lucerna

  • Persone fisiche: fino al 31 marzo 2021
  • Persone giuridiche: fino al 31 agosto 2021

Canton San Gallo

  • Persone fisiche: fino al 31 marzo 2021
  • Persone giuridiche: fino al 30 giugno 2021

Canton Ticino

  • Persone fisiche: fino al 30 aprile 2021
  • Persone giuridiche: fino al 30 giugno 2021

Canton Zugo

  • Persone fisiche: fino al 30 aprile 2021
  • Persone giuridiche: fino al 30 settembre 2021

Canton Zurigo

  • Persone fisiche: fino al 31 marzo 2021
  • Persone giuridiche: fino al 30 settembre 2021

 Richiedere una proroga della scadenza

Sapete già che non sarete in grado di presentare la vostra dichiarazione dei redditi in tempo? Allora dovreste assolutamente chiedere una proroga della scadenza. Altrimenti non solo sarete nei guai con le autorità fiscali, ma affronterete anche conseguenze fiscali penali. A seconda del cantone in cui siete tenuti a pagare l’imposta, è possibile che dobbiate chiedere una proroga per posta o che possiate presentare una domanda di proroga online. Avete bisogno di aiuto per completare la vostra dichiarazione dei redditi o per richiedere una proroga? I nostri esperti sono a vostra disposizione in qualsiasi momento con le loro conoscenze specialistiche complete.

Findea vi aiuta a gestire le vostre tasse in modo semplice e senza problemi.

Dichiarazione dei redditi online, cosa c’è da sapere

Sempre più cantoni stanno introducendo l’opzione della dichiarazione dei redditi online. Invece di avere a che fare con montagne di carta, i contribuenti possono ora completare la loro dichiarazione dei redditi online e presentarla con un semplice clic del mouse. Ma cosa serve per presentare una dichiarazione dei redditi online e perché ne vale la pena?

In diversi cantoni è ora possibile completare la dichiarazione d’imposta online, caricare gli allegati e inviarla alle autorità fiscali con un clic del mouse. Ma quali sono i vantaggi di presentare la dichiarazione dei redditi per via elettronica e quali documenti sono necessari?

Perché vale la pena fare la dichiarazione dei redditi online

Presentare la vostra dichiarazione dei redditi online ha diversi vantaggi. Grazie all’importazione dei dati dell’anno precedente, gran parte dei dati fiscali viene trasferita automaticamente dal secondo anno in poi, il che rende la compilazione della dichiarazione dei redditi molto più semplice. In aggiunta, i dati memorizzati non sono disponibili solo una volta all’anno, ma si può accedere in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo. I contribuenti hanno accesso ai loro dati fiscali 24 ore su 24. Inoltre, la dichiarazione dei redditi elettronica elimina il solito caos cartaceo. Infatti, tutti i dati rilevanti possono essere memorizzati centralmente.

Cosa serve per la dichiarazione dei redditi online

Se volete presentare la vostra dichiarazione dei redditi online, dovete avere accesso al software fiscale del tuo cantone. Il login e la password relativi vi saranno inviati insieme alla vostra dichiarazione dei redditi. Alcuni cantoni, per esempio il cantone di Zurigo, inviano ai contribuenti solo la lettera con la password per motivarli a eseguire la dichiarazione elettronicamente. Oltre all’accesso al software fiscale, avete anche bisogno di tutti i documenti necessari per completare la dichiarazione dei redditi in forma elettronica. Mentre alcuni documenti (es. estratti conto bancari, dichiarazioni di stipendio) sono già disponibili in formato elettronico, altri dovranno prima essere scannerizzati.

Iniziare con la dichiarazione dei redditi online

Una dichiarazione dei redditi online non è possibile in tutti i cantoni. Se avete intenzione di presentare la vostra dichiarazione per via elettronica, la prima cosa che dovete fare è visitare il sito web della divisione delle contribuzioni del tuo cantone per scoprire se il vostro cantone offre anche questa opzione. Presentare la vostra dichiarazione dei redditi online ha molti vantaggi, ma può anche essere una sfida per le persone che non hanno familiarità con le tasse o il software. Prima di iniziare con la dichiarazione dei redditi, dovreste quindi considerare se desideriate completarla da soli o se preferireste affidare questo compito a uno specialista. Se si esternalizza la dichiarazione dei redditi a uno specialista, si può non solo risparmiare tempo e nervi, ma anche denaro.

Findea vi aiuta a gestire le vostre tasse in modo semplice e senza problemi.

Cosa è il valore locativo proprio?

È l’incubo di tutti i proprietari di case: il valore locativo proprio. Ma cos’è il valore locativo proprio e come può essere ridotto per risparmiare le tasse?  Rispondiamo alle vostre domande scottanti sulla tassazione del valore locativo proprio

Cos’è il valore locativo proprio?

In Svizzera, chiunque viva in una proprietà occupata dal proprietario deve pagare l’imposta sul cosiddetto valore locativo proprio come reddito. Il valore locativo proprio non è un reddito reale, ma piuttosto un importo fittizio derivato dal valore locativo teorico di una proprietà. Di regola, il valore locativo imputato è dal 60 al 70 per cento dell’importo che un terzo dovrebbe pagare come affitto per una proprietà residenziale.

Perché il valore locativo proprio viene tassato?

L’imposta sul valore locativo è stata introdotta provvisoriamente nel 1934 dopo la Grande Depressione come un prelievo per aiutare a risanare il bilancio federale ed è stata incorporata nella legge regolare nel 1958. È una conseguenza del principio di solidarietà del sistema fiscale svizzero. Sebbene il proprietario di un immobile non riceva alcun affitto, egli guadagna una rendita occupandolo lui stesso. Poiché non deve pagare l’affitto, ha un risparmio nella misura dell’ipotetico valore locativo dell’immobile. Questo risparmio deve essere tassato come reddito.

Come si calcola il valore locativo proprio?

Come di consueto nel panorama fiscale svizzero, il valore locativo proprio è determinato su base cantonale. L’autorità fiscale cantonale competente stima il valore locativo di un immobile sulla base della superficie abitabile, dell’anno di costruzione, del metodo di costruzione, dell’ubicazione e del valore di immobili comparabili. A causa dei diversi metodi di calcolo cantonali, proprietà identiche possono essere tassate diversamente in diversi cantoni. Secondo il Tribunale federale, tuttavia, il valore locativo proprio deve essere almeno il 60% del valore che potrebbe essere ottenuto come affitto sul mercato aperto.

Come si può risparmiare sulla tassazione del valore locativo proprio?

I proprietari di immobili possono ridurre la tassazione del valore locativo proprio facendo delle deduzioni. Oltre agli interessi ipotecari, sono deducibili soprattutto i cosiddetti costi di conservazione del valore. Questi includono i costi di ristrutturazione e riparazione, così come la sostituzione di apparecchi elettrici o i premi di assicurazione della proprietà. Gli investimenti che aumentano il valore non sono ammissibili per la deduzione. Questi ultimi sono tutte quelle spese e miglioramenti che vanno oltre la conservazione del valore. Così, mentre un proprietario di casa può dedurre il costo di una ristrutturazione ordinaria del bagno, il costo di un bagno di lusso con una toilette d’oro non si qualifica per una riduzione fiscale. Tuttavia, c’è un’eccezione a questa regola di base. A certe condizioni, gli investimenti che aumentano il valore sono anche deducibili se servono a proteggere l’ambiente o a risparmiare energia.

Findea vi aiuta a gestire le vostre tasse in modo semplice e senza problemi.

Le criptovalute devono essere tassate?

Il Bitcoin ha raggiunto la soglia dei 50.000 dollari e anche altre criptovalute sono aumentate di valore. Molte persone hanno usato questa opportunità per entrare nel trading di criptovalute e acquisire le valute digitali. In relazione alla prossima dichiarazione dei redditi, si pone ora la questione se i beni in criptovalute e gli eventuali guadagni di valuta devono essere tassati.

Avete investito in criptovalute nell’ultimo anno? O siete anche riusciti a vendere le vostre valute con un profitto? Se avete risposto sì a queste domande, allora dovreste scoprire se i vostri beni cripto e i guadagni di capitale devono essere tassati.

Tassare le criptovalute

Se le criptovalute devono essere tassate dipende in gran parte dalla natura della criptovaluta o di una valuta. Informazioni dettagliate sulla tassazione delle criptovalute possono essere trovate sul sito web dell’Amministrazione federale delle contribuzioni. Per il trading ordinario di criptovalute, si possono affermare i seguenti principi: 

Imposta sulla sostanza

I portafogli di criptovalute (wallet) sono oggetti di valore e commerciabili che sono classificati come beni mobili di capitale a fini fiscali. Di conseguenza, le criptovalute sono beni immateriali soggetti all’imposta sula sostanza. Chiunque possieda criptovalute deve elencarle nella lista dei titoli e dei beni nella dichiarazione dei redditi. Il valore di mercato delle criptovalute è rilevante; questo generalmente corrisponde al prezzo al quale una moneta viene scambiata. Se non è possibile determinare un tasso attuale, viene utilizzato il prezzo di acquisto originale, convertito in franchi svizzeri.

Imposta sul reddito

I guadagni di prezzo sulle criptovalute sono generalmente esenti da tasse, in quanto sono i cosiddetti “guadagni di capitale privato esenti da tasse”. Questo significa che chiunque acquisisca criptovalute dal proprio patrimonio privato non deve pagare l’imposta sul reddito su di esse. Per contro, anche le perdite di cambio non sono deducibili.

Tuttavia, le criptovalute generate per mezzo del mining sono tassabili. La fornitura di potenza di calcolo a pagamento (monete) si qualifica come lavoro autonomo ai fini fiscali. Le criptovalute generate in questo modo sono quindi soggette all’imposta sul reddito.

La cautela è consigliata anche quando si fa trading di criptovalute su base regolare. Chiunque commercia criptovalute su base commerciale deve pagare le tasse sui profitti generati come reddito guadagnato indipendente. Se si comprano e vendono regolarmente criptovalute, dovreste quindi informarvi sulla differenza tra la pura gestione patrimoniale e l’attività secondaria autonoma.

Importante per i commercianti individuali: per le criptovalute che fanno parte del patrimonio aziendale, si applicano le norme fiscali sul lavoro autonomo.

Lo sapevi già? L’Amministrazione federale delle contribuzioni pubblica un listino con i valori fiscali delle criptovalute più importanti.

Findea vi aiuta a gestire le vostre tasse in modo semplice e senza problemi.

Dedurre i costi dell’home office dalle tasse

A causa del passaggio dall’ufficio all’home office, molti impiegati hanno dovuto allestire uno spazio di lavoro a casa. I costi dell’infrastruttura per fornire l’home office possono essere dedotti sulla vostra dichiarazione dei redditi se sono soddisfatte certe condizioni. Imparate tutto sulle detrazioni fiscali per l’home office.

Deduzioni fiscali per l’home office

Oltre alle mascherine obbligatorie e ai divieti per i grandi eventi, l’obbligo di home office è una delle tante misure adottate per combattere il coronavirus. Invece di lavorare in ufficio, molte persone ora lavorano da casa. Questo ha anche un impatto sui costi associati al lavoro. Anche se il pendolarismo al lavoro è stato eliminato, è stato invece necessario creare dei locali di lavoro. Inoltre, i pasti della mensa sono stati sostituiti da pasti fatti in casa. Cosa significano questi cambiamenti per la dichiarazione dei redditi?

Rivendicare una quota dell’affitto

A certe condizioni, le spese di affitto di una stanza usata come ufficio domestico possono essere dedotte dalle tasse. Tuttavia, ci sono alcuni requisiti che devono essere soddisfatti per poterlo fare. Le detrazioni possono essere richieste solo se una parte sostanziale del lavoro viene svolto da casa. Una parte sostanziale è considerata come almeno il 40% di un carico di lavoro a tempo pieno. Chiunque lavori a tempo pieno e lo faccia da casa almeno due giorni alla settimana soddisfa così il primo requisito per dichiarare le spese di affitto di uno studio nella dichiarazione dei redditi. Tuttavia, questo si applica solo se il datore di lavoro non fornisce già spazi di lavoro utilizzabili. A proposito: le spese per i pasti nell’home office non sono deducibili. 

Uso esclusivo come studio di lavoro

Affinché le spese di affitto possano essere rivendicate su base proporzionale, la stanza utilizzata deve servire esclusivamente come studio di lavoro. Chi lavora in salotto o in camera da letto, per esempio, non ha diritto a una detrazione. Il criterio dell’uso esclusivo dell’ufficio è rigoroso. Anche se c’è un divano letto nella stessa stanza, la deducibilità non è più data. Inoltre, si richiede che i costi di infrastruttura sostenuti non siano rimborsati dal datore di lavoro. Come vengono calcolati esattamente i costi della franchigia varia da cantone a cantone. È quindi meglio che gli interessati contattino l’ufficio fiscale cantonale per informazioni sui regolamenti applicabili.

Nessuna somma forfettaria per le spese professionali possibile

C’è una fregatura. Se decidete di dedurre i costi dell’home office dalle vostre tasse, non potete anche richiedere una somma forfettaria per le spese professionali. Le spese di viaggio, come l’abbonamento alle FFS o la benzina, così come le spese aggiuntive per i pasti fuori casa non possono essere dedotte ulteriormente. Gli interessati devono quindi fare una scelta per quanto riguarda le detrazioni fiscali per l’home office: o possono richiedere le spese di affitto proporzionali o le indennità forfettarie per le spese professionali.

Fonte: https://www.20min.ch/story/kann-ich-homeoffice-kosten-von-den-steuern-abziehen-791407783471

Findea vi aiuta a gestire le vostre tasse in modo semplice e senza problemi.

Deduzioni di spese professionali sulle dichiarazioni dei redditi in tempi di coronavirus – Cosa è possibile?

La pandemia legata al coronavirus ha portato a cambiamenti significativi nella giornata lavorativa di molte persone. Poiché il pendolarismo al lavoro e il mangiare fuori sono stati sostituiti dall’home office e dai pasti cucinati in casa, si pone la questione su quali deduzioni di spese professionali legate alla pandemia siano possibili nella dichiarazione dei redditi di quest’anno. I cantoni trattano la risposta a questa domanda in modo diverso.

Deduzioni di spese professionali legate alla pandemia

Come parte delle misure per combattere la pandemia, i dipendenti sono stati incoraggiati a lavorare dai loro uffici di casa quando possibile. Questo ha portato a cambiamenti significativi nella vita lavorativa quotidiana di molti individui. Da un lato, il pendolarismo al lavoro e i pasti della mensa sono stati eliminati, mentre dall’altro si è dovuto allestire un ufficio a domicilio e i pasti sono stati cucinati dai dipendenti stessi. Quali sono le implicazioni di questi fatti per la deduzione delle spese professionali nella dichiarazione dei redditi dei dipendenti?

La risposta a questa domanda varia da cantone a cantone. La maggioranza dei cantoni ha deciso di permettere le solite deduzioni per le spese professionali che sarebbero state possibili senza le misure legate al coronavirus. Questo approccio ha lo scopo di rendere più facile la compilazione della dichiarazione dei redditi. Inoltre, in alcuni cantoni i costi per l’uso di un veicolo privato possono essere dedotti senza dover dimostrare perché l’uso del trasporto pubblico sarebbe irragionevole. Alcuni cantoni permettono anche deduzioni separate per l’uso di uno studio privato (home office).

Per una migliore comprensione, di seguito illustreremo come i cantoni di Basilea Città, Berna e Zurigo gestiscono la situazione.

Cantone Basilea-Città

Il cantone di Basilea Città permette delle deduzioni per l’uso di uno studio privato in determinate circostanze. Questo è il caso se il contribuente deve regolarmente svolgere una parte sostanziale del lavoro professionale da casa, il datore di lavoro non fornisce locali adeguati e lo studio è una stanza separata che viene utilizzata principalmente per scopi professionali. È anche ammissibile e generalmente più facile dedurre i costi che sarebbero stati sostenuti se il lavoro fosse stato eseguito sul posto di lavoro. Eccezionalmente, i costi per l’uso di un veicolo privato (auto) possono anche essere richiesti senza dover dimostrare che il trasporto pubblico è irragionevole. Se sono state sostenute spese per la cura dei figli, queste possono essere reclamate come prima, a condizione che le condizioni legali siano soddisfatte.

Cantone di Berna

Per tener conto delle circostanze particolari, il Cantone di Berna ha precisato la prassi per la concessione della deduzione delle spese di viaggio. I contribuenti che usano il trasporto pubblico per andare al lavoro possono richiedere i costi effettivamente sostenuti. Gli abbonamenti annuali che non hanno potuto essere utilizzati come previsto a causa delle misure possono comunque essere dedotti per intero. I contribuenti che si sono recati al lavoro in auto tra il 1° marzo e il 31 dicembre 2020 possono detrarre le spese per i viaggi corrispondenti. La prova che il viaggio con i mezzi di trasporto pubblici non è ammissibile, è rinunciata come eccezione. Come prima, l’importo della deduzione delle spese di viaggio è limitato a 3000 CHF per l’imposta federale diretta e a 6700 CHF per l’imposta cantonale e comunale. Non ci sono cambiamenti per altre spese professionali (es. pasti fuori casa, assistenza ai bambini).

Cantone di Zurigo

Nel cantone di Zurigo, i dipendenti possono far valere le loro spese professionali (spese di viaggio, spese supplementari per i pasti, deduzioni forfettarie per altre spese professionali e per la formazione) nella dichiarazione dei redditi 2020, come sarebbe stato possibile senza le misure di lotta contro la pandemia. Ciò significa che le spese professionali non sono ridotte dai giorni di lavoro a domicilio legati al coronavirus. A sua volta, però, nessuna deduzione speciale può essere richiesta per le spese dell’home office. Questa semplice procedura ha lo scopo di rendere più facile per i contribuenti completare la loro dichiarazione dei redditi.

Il suo cantone non è tra quelli menzionati? Scopri le detrazioni di spese professionali legate al coronavirus sul sito web del tuo cantone. Potete trovare una panoramica delle risorse cantonali QUI.

Findea vi aiuta a gestire le vostre tasse in modo semplice e senza problemi.

Dichiarazione dei redditi in arrivo, ecco come prepararsi

Con la fine del 2020, è iniziato anche un nuovo anno fiscale. Questo significa che la dichiarazione dei redditi per il 2020 arriverà presto. Oltre alle innumerevoli bollette, la dichiarazione dei redditi è una delle ragioni per cui molte persone hanno paura di svuotare la cassetta della posta all’inizio dell’anno. Ma non è necessario che sia così. Con i nostri consigli, sarete preparati in modo ottimale e potrete completare la dichiarazione dei redditi in poco tempo.

Se vi preparate in anticipo per l’arrivo della vostra dichiarazione dei redditi, potete risparmiare non solo tempo, ma anche nervi e denaro

Essere preparati significa avere pronta la dichiarazione dello stipendio, gli estratti conto bancari, ecc.

Prima che la dichiarazione dei redditi possa essere compilata, di solito si devono raccogliere un sacco di documenti. Che sia in maniera fisica o digitale, se archiviate i documenti necessari a livello centrale non appena sono disponibili, potete risparmiarvi un sacco di fatica quando completate la vostra dichiarazione dei redditi. Se avete un fiduciario che completa la vostra dichiarazione dei redditi, vi sarà grato se tutto ciò che è importante è disponibile fin dall’inizio. In questo caso, una buona preparazione può far risparmiare non solo tempo ma anche denaro. I documenti che sono già disponibili all’inizio dell’anno includono i certificati di assicurazione sanitaria e gli estratti conto bancari. A seconda di quanto è veloce il tuo datore di lavoro nel preparare la contabilità dei salari, la dichiarazione dei salari potrebbe anche essere già disponibile. 

Preparare una dichiarazione dei redditi significa essere informati sulle detrazioni

Che si tratti di pagamenti in uno schema pensionistico, di costi di istruzione o di costi di sussistenza, puoi risparmiare molti soldi facendo delle deduzioni nella tua dichiarazione dei redditi. Tuttavia, questo presuppone che siate anche consapevoli delle possibili deduzioni. Un compito che non è sempre facile. Non solo c’è tutta una serie di deduzioni possibili, che variano da cantone a cantone, ma bisogna anche determinare a quali deduzioni si ha diritto. Oltre alle leggi e alle ordinanze, sono particolarmente utili le specificazioni dei cantoni e le panoramiche delle aziende private. In certe circostanze, ad esempio se la vostra situazione finanziaria è complessa, vale la pena affidare a un fiduciario il completamento della vostra dichiarazione dei redditi. Si assicureranno che massimizziate le vostre deduzioni. 

Essere preparati significa conoscere le proprie capacità

Se sapete in anticipo che non avrete tutti i documenti insieme in tempo o che non sarete in grado di presentare la vostra dichiarazione dei redditi in tempo per qualche altro motivo, avete la possibilità di chiedere una proroga. Nella maggior parte dei cantoni, questa domanda deve essere presentata entro il 31 marzo 2021. Anche se la proroga è concessa, dovrete comunque presentare la dichiarazione dei redditi e pagare le tasse. Pertanto, controllate con largo anticipo di avere i fondi disponibili per pagare il debito fiscale. Pianificare in anticipo mettendo da parte importi mensili di risparmio può aiutare.

Findea vi aiuta a gestire le vostre tasse in modo semplice e senza problemi.

Nel 2021 entra in vigore la nuova legge sull’imposizione alla fonte – Parte 4

Il 1° gennaio 2021 entrerà in vigore la nuova legge sull’imposizione alla fonte. In questa serie di articoli sulla revisione della legge sull’imposizione alla fonte troverete tutto ciò che vi serve sapere sulle modifiche. La quarta parte della serie spiega le possibilità di passare dalla imposizione alla fonte alla tassazione ordinaria.

Il 1° gennaio 2021 entreranno in vigore le nuove disposizioni sull’imposizione alla fonte in Svizzera con la legge federale sulla revisione dell’imposta preventiva sui redditi da attività lucrativa. I dettagli della nuova regolamentazione sono illustrati nella circolare n. 45 dell’AFC alle autorità fiscali cantonali.

Cambio di tassazione

Se alcune circostanze cambiano, può succedere che una persona soggetta all’imposta alla fonte (dipendente) sia improvvisamente soggetta all’accertamento fiscale ordinario o viceversa.

Dall’imposta alla fonte alla tassazione ordinaria

Una persona soggetta all’imposta alla fonte e residente in Svizzera è esonerata dall’imposizione alla fonte, ossia è soggetta alla tassazione ordinaria, se:

  • ottiene la cittadinanza svizzera o un permesso di soggiorno permanente (permesso C);
  • è sposato con una persona o sposa una persona che ha la cittadinanza svizzera o un permesso di soggiorno permanente (permesso C);
  • ha raggiunto l’età normale di pensionamento AVS e non percepisce più redditi soggetti all’imposta alla fonte; oppure
  • riceve una rendita di invalidità completa.

L’esonero dall’imposta alla fonte avviene il primo giorno del mese successivo. La persona interessata e, se del caso, il suo coniuge sono quindi valutati per l’intero periodo fiscale nella procedura ordinaria. L’imposta alla fonte trattenuta viene accreditata senza interessi sull’imposta determinata nella procedura ordinaria.

Tassazione ordinaria ulteriore

Un caso speciale del passaggio dall’imposta alla fonte alla tassazione ordinaria è la tassazione ordinaria ulteriore. Se una persona soggetta all’imposta alla fonte e residente in Svizzera raggiunge in un anno fiscale un reddito lordo da lavoro dipendente di almeno 120’000 franchi, viene effettuato una tassazione ordinaria ulteriore. Se questa soglia minima non viene raggiunta, l’interessato può anche richiedere una tassazione ordinaria ulteriore entro il 31 marzo dell’anno successivo. Le persone soggette all’imposta alla fonte che risiedono all’estero possono presentare tale domanda se il 90% del loro reddito lordo è soggetto a tassazione in Svizzera nell’anno fiscale. La tassazione ordinaria ulteriore è solitamente richiesta per poter beneficiare delle detrazioni individuali della tassazione ordinaria (invece della detrazione forfettaria dell’imposta alla fonte).

Dalla tassazione ordinaria all’imposizione alla fonte

Se le condizioni che hanno permesso il passaggio alla tassazione ordinaria non sono più soddisfatte, la persona interessata è di nuovo soggetta all’imposizione alla fonte nel mese successivo. Questo è il caso, per esempio, se una persona senza cittadinanza svizzera o permesso di soggiorno permanente divorzia da un coniuge svizzero

Findea vi aiuta a gestire le vostre tasse in modo semplice e senza problemi.

Nel 2021 entra in vigore la nuova legge sull’imposizione alla fonte – Parte 3

Il 1° gennaio 2021 entrerà in vigore la nuova legge sull’imposizione alla fonte. In questa serie di articoli sulla revisione della legge sull’imposizione alla fonte troverete tutto ciò che vi serve sapere sulle modifiche. La terza parte della serie spiega i diritti e gli obblighi dei datori di lavoro e dei lavoratori in materia di imposta alla fonte.

Il 1° gennaio 2021 entreranno in vigore le nuove disposizioni sull’imposizione alla fonte in Svizzera con la legge federale sulla revisione dell’imposta preventiva sui redditi da attività lucrativa. I dettagli della nuova regolamentazione sono illustrati nella circolare n. 45 dell’AFC alle autorità fiscali cantonali.

Diritti e obblighi del dipendente soggetto all’imposta alla fonte

I dipendenti soggetti all’imposta preventiva hanno il diritto di far detrarre l’imposta alla fonte dal reddito indicato sulla busta paga e sulla busta paga. Questo diritto ha lo scopo di proteggere il dipendente da accuse di malafede da parte delle autorità fiscali. Se un dipendente non è d’accordo con la deduzione dell’imposta preventiva effettuata in base al certificato del datore di lavoro o se non ha ricevuto tale certificato, ha il diritto di chiedere all’autorità fiscale cantonale competente di pronunciarsi sull’esistenza e sull’entità dell’obbligo di deduzione dell’imposta preventiva entro il 31 marzo dell’anno fiscale successivo alla data di scadenza della prestazione. Se un dipendente che non è soggetto all’obbligo di accertamento retroattivo desidera richiedere ulteriori deduzioni non considerate affatto o solo forfettariamente nella tariffa dell’imposta alla fonte, può (a condizione che i requisiti per questo siano soddisfatti) presentare all’autorità fiscale competente entro il 31 marzo dell’anno successivo una richiesta di accertamento ordinario retroattivo da effettuare entro il 31 marzo dell’anno successivo.

L’unico obbligo del dipendente soggetto all’imposta preventiva è quello di fornire tutte le informazioni rilevanti per la riscossione dell’imposta preventiva. Ciò significa che il dipendente deve fornire al datore di lavoro informazioni quali lo stato civile, il numero di figli e la confessione religiosa. Inoltre, il dipendente deve fornire informazioni alle autorità fiscali, se necessario. Se un dipendente non ottempera a questo obbligo nonostante un sollecito, può essere multato.

Diritti e obblighi del debitore della prestazione imponibile (datore di lavoro)

In linea di principio, il datore di lavoro è tenuto a pagare l’imposta alla fonte. Egli è responsabile di ogni comportamento scorretto in relazione a tale obbligo e può essere tenuto ad effettuare pagamenti supplementari se non detrae correttamente l’imposta alla fonte. Ciò vale anche se si basa su informazioni errate fornite dal dipendente senza verifica. Tuttavia, se il dipendente ha violato il suo dovere di divulgazione e di informazione, il datore di lavoro ha il diritto di ricorso contro il dipendente. Il datore di lavoro deve inoltre indicare la deduzione dell’imposta alla fonte nella busta paga e nel conteggio del salario del dipendente. Se il datore di lavoro viola intenzionalmente o per negligenza l’obbligo di pagare l’imposta alla fonte, può essere perseguito per evasione fiscale o appropriazione indebita.

Findea vi aiuta a gestire le vostre tasse in modo semplice e senza problemi.

Articoli più vecchi