Iscriviti al blog tramite e-mail

Newsletter

Categorie

Le criptovalute devono essere tassate?

Il Bitcoin ha raggiunto la soglia dei 50.000 dollari e anche altre criptovalute sono aumentate di valore. Molte persone hanno usato questa opportunità per entrare nel trading di criptovalute e acquisire le valute digitali. In relazione alla prossima dichiarazione dei redditi, si pone ora la questione se i beni in criptovalute e gli eventuali guadagni di valuta devono essere tassati.

Avete investito in criptovalute nell’ultimo anno? O siete anche riusciti a vendere le vostre valute con un profitto? Se avete risposto sì a queste domande, allora dovreste scoprire se i vostri beni cripto e i guadagni di capitale devono essere tassati.

Tassare le criptovalute

Se le criptovalute devono essere tassate dipende in gran parte dalla natura della criptovaluta o di una valuta. Informazioni dettagliate sulla tassazione delle criptovalute possono essere trovate sul sito web dell’Amministrazione federale delle contribuzioni. Per il trading ordinario di criptovalute, si possono affermare i seguenti principi: 

Imposta sulla sostanza

I portafogli di criptovalute (wallet) sono oggetti di valore e commerciabili che sono classificati come beni mobili di capitale a fini fiscali. Di conseguenza, le criptovalute sono beni immateriali soggetti all’imposta sula sostanza. Chiunque possieda criptovalute deve elencarle nella lista dei titoli e dei beni nella dichiarazione dei redditi. Il valore di mercato delle criptovalute è rilevante; questo generalmente corrisponde al prezzo al quale una moneta viene scambiata. Se non è possibile determinare un tasso attuale, viene utilizzato il prezzo di acquisto originale, convertito in franchi svizzeri.

Imposta sul reddito

I guadagni di prezzo sulle criptovalute sono generalmente esenti da tasse, in quanto sono i cosiddetti “guadagni di capitale privato esenti da tasse”. Questo significa che chiunque acquisisca criptovalute dal proprio patrimonio privato non deve pagare l’imposta sul reddito su di esse. Per contro, anche le perdite di cambio non sono deducibili.

Tuttavia, le criptovalute generate per mezzo del mining sono tassabili. La fornitura di potenza di calcolo a pagamento (monete) si qualifica come lavoro autonomo ai fini fiscali. Le criptovalute generate in questo modo sono quindi soggette all’imposta sul reddito.

La cautela è consigliata anche quando si fa trading di criptovalute su base regolare. Chiunque commercia criptovalute su base commerciale deve pagare le tasse sui profitti generati come reddito guadagnato indipendente. Se si comprano e vendono regolarmente criptovalute, dovreste quindi informarvi sulla differenza tra la pura gestione patrimoniale e l’attività secondaria autonoma.

Importante per i commercianti individuali: per le criptovalute che fanno parte del patrimonio aziendale, si applicano le norme fiscali sul lavoro autonomo.

Lo sapevi già? L’Amministrazione federale delle contribuzioni pubblica un listino con i valori fiscali delle criptovalute più importanti.

Findea vi aiuta a gestire le vostre tasse in modo semplice e senza problemi.